PARODONTOLOGIA

La parodontite (malattia delle gengive) è oggi la principale causa di perdita dei denti nelle persone di età superiore ai 35 anni. La parodontopatia è una malattia subdola: provoca limitati disagi fatta eccezione per l’alito cattivo ed il sanguinamento delle gengive in seguito allo spazzolamento dei denti. 

Alcune segnalazioni dimostrano che le conseguenze possono essere però molto gravi. Le malattie delle gengive possono infatti avere effetti sull’ evoluzione del diabete, possono influire sul peso del neonato al parto, possono avere un ruolo nel provocare parti prematuri e sembrano coinvolte anche nell’infarto del miocardio. 

La cura delle gengive consiste nella rimozione di placca e tartaro, nella levigatura delle radici e, nei casi più importanti, nel trattamento chirurgico.

CURIOSITA’

spesso si ritiene che la buona igiene orale dipenda dall’uso di qualche particolare dentifricio o di qualche colluttorio. È una credenza ingiustificata. Ciò che conta è la tecnica di spazzolamento e l’uso del filo interdentale almeno 1 volta al giorno. I colluttori spesso vengono usati in modo scorretto e questo comporta la comparsa di macchie che possono essere rimosse solo dall’intervento dell’igienista.